Quinta elementare. La mia maestra arriva in classe e inizia a scrivere sulla lavagna: ” Cosa farò da grande” Poi ci guarda e dice: “bambini, avete due ore di tempo per sviluppare questo tema”.
Si siede e incomincia a leggere il suo libro.
Scommetto che anche a te è capitato di dover svolgere un tema del genere, e scommetto che l’hai finito subito.

A 11 anni è tutto più semplice: c’è la bambina che vuole fare la ballerina, l’intramontabile astronauta, il dottore, il pompiere, l’attrice, l’avvocato. A quell’età le idee sono più chiare, con la crescita però tutto si complica: che scuola superiore fare? Università si o no? Restare in Italia o partire? Essere o non essere? Questo è il dilemma!
Tra le altre cose poi la società ci scarica addosso una quantità enorme di pressione a suon di “devi”… “devi” avere successo, “devi” fare carriera… devi…devi…devi…

E a questo punto la risposta alla domanda “cosa farai da grande?” diventa “BHO”, ma per fortuna c’è tempo.
Che tu abbia 20, 30 o 50 anni hai sempre la possibilità di trovare la tua strada nella vita!
Basta sapersi mettere alla prova, come ha fatto la nostra Elisa, CCM della sede di Catanzaro.
Ecco la sua testimonianza

Inizia questo percorso un po’ per caso.
In un momento della mia vita un po’ particolare, nel quale non stavo bene in nessun angolo del mondo e soprattutto non volevo avere nessuno intorno
Una sera mia zia venne a casa per un caffè, e parlando del più del meno venne fuori che l’indomani doveva sostenere un colloquio presso questo nuovo call center, all’epoca aperto da circa un mesetto a Davoli, in Calabria. Incoraggiata da mia madre decisi di farne uno anche io: più per accontentare lei che per altro
Il giorno del colloquio incontrai Giusi, quella che oggi è l’area manager della Calabria. Durante la successiva formazione, iniziai ad innamorarmi di questo lavoro, delle cuffie, dell’atmosfera in sala.

Poi, arrivò la mia rèale opportunità.
Giusi dovette recarsi a Napoli per seguire un corso di formazione aziendale, e mi scelte per dare supporto alla Team Leader, che altrimenti sarebbe rimasta sola. Al suo ritorno, ci comunico la nuova apertura della sede di Catanzaro, che avrebbe assorbito totalmente il suo tempo, mi chiese quindi di continuare a ricoprire il ruolo di tutor. Accettai subito, in fondo tra quelle mura mi sentivo a casa.
Passarono 3anni e mezzo nei quali diventai poi team leader della sede
.

Il grande passo arrivò quando Giusi mi propose di diventare la responsabile della nuova sede di Catanzaro, la CCM. Accettai immediatamente, e sono 3 anni che sono orgogliosa di rivestire questo ruolo.

La voglia di fare è il tuo biglietto da visita?

SCEGLI ELISA!

Tirerà fuori il meglio di te accompagnandoti per mano verso la tua Rèale Opportunità!
Scrivi il tuo nome e cognome e clicca su invia 😉